Nel mio lavoro spesso devo appoggiarmi ad internet per avere tante informazioni velocemente. Ovviamente la ricerca parte con il motore più noto al mondo. Resto perplessa quando però inserendo parole semplici si riesce ad arrivare in zone che dovrebbero essere supermegaprotette. Entro fiduciosa, perchè nulla lascia ad intendere che zona sto per violare, ma ecco che mi si confondono le idee con manoscritti decisamente di carattere hard.
Leggo inizialmente distratta per poi restare quasi allucinata. Cerco di rientrare passando dai canali ufficiali, quindi dalla home, e non si può se non iscrivendosi, pagando etc. etc.
Dico, bhè da qui non si entra ma è stato così facile arrivare. E se l’avesse fatto un ragazzino, magari con termini differenti?
L’ennesimo dilemma sulla pornografia virtuale…
Ma fino a che punto è corretto che tutto sia così raggiungibile?
Sconcertata rimango con la domanda nei miei pensieri: è dunque così semplice navigare in questo mare?

Share on Pinterest
Condividi via mail!










Inviare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi