Un mal di denti trascurato diventa un’avulsione sicura.
Il mio primo lavoro serio è stato di assistente alla poltrona. Per sei anni ho vissuto in mezzo a bocche guaste, distrutte, denti fracidi, protesi e chi più ne ha più ne metta. Ero molto igienista e, soprattutto, ogni giorno consigliavo sempre i controlli semestrali.
Bene, tutto questo significa che l’età (e i soldi, maledetti) possono influire molto sulle priorità della vita. I miei denti hanno subito un po’ di trascuratezza da parte mia, non come igiene personale ma come controlli e oggi, purtroppo, mi sono ritrovata seduta sulla poltrona del mio dentista, dopo una settimana di antibiotico, a fare quello che non si vorrebbe mai.
Farmi togliere un dente.
Povero il mio dentone… era malato, profondamente, fino all’apice.
Ora c’è solo il vuoto, il sapore amaro di questi nuovi prodotti antibiotici che iniettano alla base interna della gengiva, ed un paio di puntini di sutura.
Ghiaccio, yogurt e (la scusa è stata perfetta) il gelatino. Per qualche giorno niente dieta, troppo difficile.
Da parte i tronchi di verdura e le fettine di prosciuttino o affettati leggeri…

Sono solo passate poche ore dall’inizio delle mie privazioni alimentari, cose solide intendo, e ho già il senso di vuoto… Voglio un panino, un piatto di spaghetti alla chitarra, una costata, un buon bicchiere di vino… uffa…

La faccio finita chè quando faccio così mi sento tanto una ragazzina capricciosa.
Ma sto ancora tanto male… sono lagnosa… mi aggiro come un’anima in pena… e metto su il ghiaccio e … buona notte!

Share on Pinterest
Condividi via mail!










Inviare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi